LA DIETA METABOLICA IN STILE PALEO

La dieta metabolica del Dottor Mauro Di Pasquale, per chi non la conoscesse, è una dieta iperlipidica, iperproteica e ipoglucidica. Una critica mossa verso le diete povere di carboidrati è il calo della prestazione fisica, dovuto alla deplezione del glicogeno epatico e muscolare. A confutazione di ciò, ci sono diversi studi scientifici che dimostrano che le persone abituate a tali diete riescono a trarre molta più energia dalle riserve di grasso corporeo, e oltre al dimagrimento, riescono anche ad avere una maggiore lucidità mentale. In ogni caso, prima di intraprendere una strategia alimentare di questo genere, è indispensabile controllare alcuni valori del sangue, come: colesterolo, TSH (per il funzionamento della tiroide), glicemia a digiuno, acido urico sierico, potasso sierico.

Cosa prevede la metabolica (fase di valutazione)

La fase di valutazione farà si che il nostro corpo impari ad attingere energia dai grassi. Per i primi 12 giorni, dal lunedì al venerdì della settimana sucessiva, la dieta dovrà essere povera di carobidrati.
Questo periodo è necessario per convertire l’organismo da “macchina brucia carboidrati” a “macchina brucia grassi”. La dieta dovrà rispettare in questo frangente le seguenti percentuali:

  • 50/60% di grassi

  • 30/40% di proteine

  • 30 g al massimo di carboidrati (10%)

    Arrivati al sabato successivo la situazione cambia in questo modo:

    • 20/40% di grassi

    • 20/30% di proteine

    • 40/60% di carboidrati

      In questi giorni di ricarica, l’insulina si alzerà in modo repentino, dando ai muscoli una ricarica di glicogeno

    facendovi sentire carichi ed energici.


    Cibi ammessi nella metabolica

    Ho provato per molto tempo la metabolica “originale”, con risultati buoni ma allo stesso tempo deleteri, perchè nella metabolica sono permessi molti alimenti a zero carboidrati. Gli alimenti usati, sono tutti acidi e quindi acidificano il nostro corpo, privandolo di energia e di ossigeno. Per essere più esplicito, quando mangiamo questi alimenti, si corre il rischio di costipazione. 

    Ecco alcuni cibi ammessi:

    Carne rossa
    Pollo Tacchino Bresaola Coca-Cola light Formaggio grana Prosciutto Cotto o crudo Salsiccia Agnello
    Burro
    Caffè
    Pane
    Pesce Bresaola Gamberetti

    Gli alimenti elencati in tabella sono fra quelli maggiormente utilizzati in metabolica. Quando si è a dieta dal lunedi al venerdi si mangiano alimenti con pochi minerali e fibre che non essendo alcalini possono presentare: alitosi,costipazione e acidosi. Inoltre la ricarica del week end totalmente acida composta da gelato,pizza,e tutti i tipi di carboidrati raffinati non farà altro che peggiorare lo stato di salute.


    COLAZIONE

    tazza di latte parzialmente scremato, thè o caffè con un frutto di stagione, noci, arachidi e frutta secca

    SPUNTINO DI META’ MATTINO

    Grana Padano, prosciutto crudo o bresaola

    PRANZO

    Pollo, tacchino, carne di cavallo, mandorle, noci, fibre

    SPUNTINO DI META’ POMERIGGIO

    Mortadella, wurstel, prosciutto cotto

    CENA

    Pesce magro, sogliola, orata, una fettina di pane integrale, verdure

     

     Indubbiamente con questa dieta si raggiunge una perfetta forma fisica specie nella fase finale di una gara o servizio fotografico. Come puntualizzato precedentemente, dal lunedi al venerdi il corpo riceve pochi carboidrati molti grassi e molte proteine ma se vogliamo vedere la cosa con un occhio diverso,modificando strategia alimentare, possiamo tenere sotto controllo il ph del nostro corpo sia in settimana che durante le ricariche del week-end. Quando fate i prelievi del sangue provate a controllare i valori del ph,noterete che non ci saranno asterischi di avviso se sarà al di sotto di 7,(secondo la medicina ufficiale tutto è normale) Questo famoso numero 7 fa parte di una scala che va da 0 a 14,una scala che rappresenta il grado di acidità o basicità del nostro sangue,più si va in alto più si è alcalini,più si va in basso più si è acidi. I cibi rappresentati nella prima tabella sono molto acidi e creano problemi con il passare del tempo per di più tolgono energia al corpo. Gli alimenti che donano energia sono i frutti,le verdure, i grassi e le tisane pertanto dei piccoli accorgimenti nella dieta metabolica possono fare la differenza.

     Quali sono i cibi da inserire e quali quelli da eliminare?

    INSERIRE


    ELIMINARE

    page3image30552 page3image30772 page3image31380 page3image31600

    Frutta

    Formaggio

    Verdure e tisane

    page3image35276 page3image35496 page3image36104 page3image36324

    Latte

    page3image37408 page3image37628 page3image38236 page3image38456

    Olio, noci, mandorle, pinoli, pistacchi

    Carni insaccate

    page3image40916 page3image41136 page3image41744 page3image41964

    Zucchine, melanzane, insalata

    Salse come ketchup o maionese

    Manzo, pollo, cavallo

    page3image45812 page3image46032 page3image46640 page3image46860

    Bevande gassate

    page3image47964 page3image48184 page3image48792 page3image49012

    Tonno (con moderazione), salmone, sgombro

    page3image50440

    Pizza, pasta, pane, dolci, caffè

    page3image51540 page3image51760 page3image52284

    Quando siamo acidi invecchiamo,perdiamo i capelli,compaiono le rughe,la pelle perde tonicità,le ossa si indeboliscono e la massa muscolare viene compromessa. Le sostanze minerali sono i garanti della nostra salute e della nostra bellezza, queste ultime fioriscono e durano fino a che i depositi di minerali della pelle, dei capelli,delle unghie, del sangue e delle ossa sono pieni.

    Il nostro sangue ha la necessità di mantenere entro certi limiti il ph ad un valore di 7,45 Il ph è un valore che riflette il grado di acidità o basicità di una sostanza, sia essa solida che liquida. In teoria ogni volta che ingeriamo un alimento sia esso acido che alcalino il nostro organismo reagisce a livello chimico per ristabilire il valore del ph nel sangue e in altri organi del nostro corpo.Il vero problema è che questi valori sono stati settati durante milioni di anni di evoluzione in cui i nostri progenitori mangiavano una grande quantità di frutta e verdura che essendo alcalina di gran lunga riusciva a compensare la componente acida che derivava da carne e pesce. Un alcalinizzante importante che sarà inserito nella dieta è l’acqua alcalina quest’acqua è stata bevuta per milioni di anni dall’uomo ma oggi purtroppo, a meno che non si vada nei laghi del turkana in africa,non è facile reperirla ma l’unico modo per poter avere disponibilità immediata è tramite ionizzatore o gocce da aggiungere all’acqua. Essenzialmente l’acqua è formata da atomi di idrogeno e atomi di ossigeno che vanno a formare delle molecole dalla famosa formula H2O. Queste molecole possono essere di varie dimensioni se sono troppo grandi possono rendere difficile l’interscambio dell’acqua con le cellule dell’organismo,ma se sono piu’ piccole, cioè molecole CLUSTER più elementari, favoriscono il lavoro delle cellule,l’idratazione dell’organismo e l’assorbimento delle sostanze nutritive. La ridottissima misura dei cluster permette all’acqua alcalina di permeare le cellule del corpo più facilmente con il risultato di una idratazione di ben 6 volte più alta dell’acqua normale di rubinetto.

    L’acqua alcalina apporta dei benefici, ad esempio può assorbire più facilmente sostanze nocive rispetto alla normale acqua e quindi è in grado disintossicare il corpo più efficientemente e migliora l’equilibrio acido/base. Viene assorbita più velocemente dal fegato (organo di filtrazione) e dagli organi interni, le cellule sane del corpo vengono risparmiate, l’essere umano rimane sano e l’invecchiamento si rallenta.

    Esempio di dieta metabolica in stile paleolitico e proposta di integrazione alimentare per ridurre al massimo il catabolismo muscolare 

    AL RISVEGLIO

    2 bicchieri grandi d’acqua con 5 gocce alcalinizzanti per bicchiere Uova + frutta + olio + una tazza di thè verde a foglie

    META’ MATTINA

    Frutta secca a volontà

    MEZZOGIORNO

    Carne rossa o bianca + verdure olio d’oliva

    PRIMO POMERIGGIO

    20-30 g di proteine del siero + frutta secca o olio d’oliva

    SERA

    Pesce + olio d’oliva + zucchine, melanzane oppure pollo al curry + peperono + olio

    EVENTUALE FRULLATO SERALE PRIMA DI DORMIRE

    30-40 g di proteine in polvere

    Piano d’integrazione

     

    MATTINO

    2 bicchieri di acqua alcalina, Muscle Vitamin e omega 3
    Bere durante il giorno thè verde amaro a foglie e acqua alcalina (dai 2 ai 4 litri)

    page5image31232

    PRIMA DELL’ALLENAMENTO

    30 minuti prima del work-out:

    – 3 cps di Volumax mTOR – 2 cps di Nitro Booster

    Ogni 15-20 minuti duranteil work-out:

    – 1 cps di Nitro Booster ( fino ad un massimo di 3)

    Post work-out:

    – 3 cps di Volumax mTOR

    page5image36628 page5image36712 page5image36796

    DOPO L’ALLENAMENTO

    page5image39304 page5image40000

    3 cps di Volumax mTOR + 30 g di Mass Extreme

    page5image41456 page5image42152

    MEZZOGIORNO

    page5image43524 page5image44220

    Muscle Vitamin + omega 3

    page5image45472 page5image46168

    CENA

    page5image47532 page5image48228

    Muscle Vitamin + omega 3

    PRIMA DI DORMIRE

    3 cps di Nitro Booster e 3 cps di Volumax mTOR anche nei giorni di non allenamento

    page6image4384 page6image4468

    RICARICA DI SABATO E DOMENICA

    COLAZIONE

    Uova + frutta + olio

    META’ MATTINA

    VB Bar 25 oppure 30 g di Mass Extreme

    PRANZO

    da 300 a 500 g di frutta di stagione + carne + moderate quantità di grassi

    SPUNTINO

    da 300 a 500 g di frutta

    CENA

    Pesce a piacere + frutta e frullati di verdure miste + olio di lino o di oliva

    La ricarica potete farla inziare quando volete, ad esempio, se decidete di fare l’ultimo allenamento la mattina del sabato per scaricare tutto il glicogeno, potete inziarla a pranzo, oppure, se l’allenamento è previsto il pomeriggio potete inziare la ricarica a cena. Se vi allenate fino al venerdi, potreste dedicare il sabato e la domenica per la ricarica. Potete gestire voi gli alimenti paoleolitici facendo sempre attenzione a non tralasciare le modiche quantità di grassi.

    L’inserimento dei 4 pasti è voluto in quanto l amaggior parte della gente il sabato e la domenica tende a cambiare i ritmi avuti durante la settimana e magari c’è chi si sveglia un pò più tardi facendo il primo pasto, ad esempio, alle 11 di mattina. Resta il fatto che potete gestire la ricarica dei carboidrati come e quanto volete ricordando che avete tempo fino alla domenica sera, dopo di chè dovrete tornare con grassi e proteine alti e carboidrati moderati. Detto questo…BUON ALLENAMENTO E BUONA DIETA!!! 

Potrebbero interessarti anche...